Beethoven non è un cane-Paolo Migone

Stasera a teatro c'è uno spettacolo che non si può perdere.
Dietro il polveroso sipario c'è un deejay, si, un deejay ma di musica classica.
In scena un pazzo con cuffia alle orecchie e l’occhio spiritato che aggeggia a dei vecchi vinili,
un pazzo incredulo davanti ad adolescenti che identificano Beethoven in un grosso e simpatico cane San Bernardo e che si è stufato di sentire in giro: bella quella musica è della pubblicità della Audi (Mozart).
Musica Colta, Musica Sepolta
Paolo Migone, il folle con le cuffie, a teatro con la pala e le maniche tirate su per riesumare
una musica classica ancora viva.
Parlerà di Lei, della sua forza, della sua dolcezza: vi farà ridere con aneddoti sulle famiglie
di questi Geni e parlerà di loro, di questi grandi compositori, dei loro amori, delle loro
passioni e dei loro drammi, parlerà del rapporto complicato che avevano col potere, con
’annoiata committenza della Chiesa e della Nobiltà ... perché in qualche modo dovevano pur
campare… e a quel punto potrebbe anche succedere un miracolo: potrebbe succedere che
un bambino dopo lo spettacolo, il giorno dopo, chiuso nella sua cameretta per non essere visto, digiti su youtube: B A C H - cerca.

Richiedi Maggiori info sull'artista

ESPRESSIONE DEL CONSENSO AL TRATTAMENTO PREVIA LETTURA DELL’INFORMATIVA
Dichiaro di aver preso visione e di aver compreso l’Informativa prevista dall’art. 13 D.Lgs.196/03 e 13 Reg. Ue 2016/679 (GDPR) nonché di aver preso atto dei diritti di cui al paragrafo 6), esprimendo in tal modo